In ricordo del Prefetto Maria Antonietta Cerniglia

In ricordo della Collega e Amica Maria Antonietta Cerniglia

Con naturale gentilezza e intelligente sensibilità Maria Antonietta è stata capace di farsi conoscere ed amare da chiunque ha avuto il privilegio di starle accanto.

Ha saputo coniugare il “dono” dei talenti ad un profondo ed assiduo senso del dovere che, alimentato da una ricchezza di valori e principi, ha tradotto in pratica quotidiana, facendone uno stile di vita.

Il suo impegno a servizio delle Istituzioni è stato frutto di una vera scelta d’amore, onorata ogni giorno della sua carriera, nel corso della quale tutti l’abbiamo apprezzata tanto per la sua straordinaria umanità quanto per il suo altissimo valore professionale.

Maria Antonietta amava profondamente il suo lavoro e l’Amministrazione dell’Interno di cui con ostentato orgoglio si sentiva davvero parte.

Era capace di ascoltare, di dialogare, sempre con garbo ed educazione, e di assumere con equilibrio, determinazione e serenità la responsabilità di decisioni delicate.

Le piaceva dire che serviva le Istituzioni con passione civile. E la sapeva trasmettere quella passione a tutti quelli con cui lavorava e con cui riusciva sempre a fare squadra.

Siamo sicuri che ha voluto vivere in assoluto silenzio la malattia “per non dare fastidio” come avrebbe detto Lei. Ma senza dubbio con il sorriso, fino all’ultimo.

A noi tutti che l’abbiamo conosciuta e amata lascia in eredità uno scrigno di valori e di virtù, che per sempre accompagneranno il suo ricordo, una preziosa testimonianza di quello che era Lei: una persona intelligente che aveva il dono di saper parlare a tutti con il cuore.

Sei stata e resterai un esempio. Grazie Maria Antonietta!

ROMA – 12 dicembre 2018 – ANFACI presenta il docufilm “Prefetti d’Italia – Testimonianze”

Il 12 dicembre 2018 ore 19.00 presso la Residenza di Ripetta – Sala Bernini – Via di Ripetta, 231 Roma

L’Associazione Nazionale dei Funzionari dell’Amministrazione Civile dell’Interno presenterà il docufilm “PREFETTI D’ITALIA – Testimonianze” al quale interverranno Guido Melis e Giuliano Amato

Chi volesse partecipare è pregato di dare adesione entro lunedì 10 dicembre tramite mail ad anfaci2013@gmail.com

Celebrazione per Sant’Ambrogio 2017

Giovedì 7 dicembre 2017, presso la Chiesa di Lorenzo in Panisperna, si è svolta la Celebrazione per S. Ambrogio, Vescovo e Dottore della Chiesa e patrono del Corpo prefettizio italiano.

Ha presieduto la Celebrazione S.E. Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della nuova Evangelizzazione.

Al termine della Celebrazione, il Presidente Bruno Frattasi, dopo aver ringraziato per la partecipazione ha sottolineato come le parole, entusiasmo, saggezza e coraggio, pronunciate da Monsignor Fisichella, possano essere di sostegno e supporto all’impegnativo lavoro di tutti i Prefetti.

Guarda la Gallery QUI

L’Attività di mediazione dei prefetti e la tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico

Convegno “L’attività di mediazione dei prefetti e la tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico”, tenutosi Giovedì 5 ottobre 2017 presso il Viminale, salone delle Conferenze.

Il Convegno svoltosi il 5 ottobre presso il Viminale ha riguardato il rapporto di necessaria complementarità che intercorre tra la tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza e l’attività di mediazione che da sempre ha caratterizzato l’azione dei Prefetti nei molteplici ambiti di loro competenza. La tematica è stata, dapprima esaminata dal Prefetto Bruno Frattasi, Presidente dell’Anfaci, nella sua introduzione al Convegno, e successivamente sviluppata da Matteo Piantedosi, Prefetto di Bologna, nonché dal Prefetto Alessandra Guidi, Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, preposto alle attività di coordinamento.

In particolare, il Prefetto Piantedosi ha evidenziato come l’attività di mediazione debba essere svolta ed esaminata alla luce delle peculiarità che contraddistinguono le singole realtà locali, nonché – più in generale – in considerazione delle trasformazioni che hanno interessato negli ultimi anni lo sviluppo sociale politico e amministrativo italiano in un contesto istituzionale policentrico.

I molteplici profili che interessano l’attività di mediazione impongono di riconsiderare – come evidenziato durante il Convegno dal Prefetto Guidi – in una accezione plurale il concetto stesso di sicurezza. In particolare, si è sottolineata l’esigenza di implementare i molteplici ed eterogenei modelli organizzativi, ad oggi già presenti nel nostro ordinamento, che consentono al Prefetto di mediare e comporre le diverse e talvolta contrastanti istanze presenti nella società civile, nonché coordinare l’azione dei diversi soggetti istituzionali interessati dall’attività di tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza.

Nel corso del dibattito, moderato dal giornalista del Sole 24 ore Marco Ludovico, sono state avanzate da parte dei presenti – tra cui vi erano, numerosi, i Consiglieri di Prefettura – una pluralità di sollecitazioni e spunti di riflessione, che hanno riguardato principalmente le innovazioni da ultimo introdotte con il Decreto-Legge 20 febbraio 2017, n. 14, recante “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città”.

Il convegno si è concluso con le riflessioni del Prefetto Bruno Frattasi, il quale ha ribadito la centralità del ruolo del prefetto nell’ordinamento italiano e la necessità di sviluppare ulteriori analisi volte all’individuazione di soluzioni utili per supportare e migliorare l’attività che i Prefetti sono chiamati a svolgere nella tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico.

Guarda la Gallery QUI