Questione “Sei Scatti”

Cari soci,

nella mattinata del 18 febbraio si è svolto presso il Ministero dell’Interno l’incontro con i rappresentanti dell’Amministrazione (Capo di Gabinetto del Ministro, Capo Dipartimento per le Politiche del personale e rappresentanti della Direzione centrale per le Risorse finanziarie) per affrontare la questione dei cd “sei scatti”. Alla riunione ha partecipato, su sua richiesta, il Segretario generale della nostra Associazione, che, come sapete, è deputata, per Statuto, anche alla tutela in ogni sede degli interessi generali della categoria, ivi compresi i nostri soci pensionati.

Durante la riunione l’ANFACI ha confermato la posizione già espressa nel corso dell’incontro avuto il 13 febbraio scorso con il Prefetto Varratta al quale erano state evidenziate le criticità connesse alla questione in sé, oltre che alle modalità di gestione della stessa.

In particolare, pur nella consapevolezza che i cd sei scatti costituiscono un’opportunità favorevole al termine della nostra carriera, è stata evidenziata la necessità che, nelle more dell’espletamento delle attività che l’Amministrazione si è impegnata ad intraprendere per approfondire ulteriormente gli aspetti legati alla  prescrizione,  ogni azione legata alla decorrenza dei termini indicati nella lettera notificata ai soggetti destinatari delle note inviate dall’Amministrazione non venga intrapresa.

Nei prossimi giorni comunicheremo ulteriori notizie

In ricordo del Prefetto Claudio Meoli

L’ANFACI piange la scomparsa del Prefetto Claudio Meoli  indimenticato collega di raffinata cultura giuridica e di grande e sapiente valore umano e professionale. Claudio Meoli ha dedicato le sue energie alla valorizzazione della figura del prefetto offrendo, attraverso lo studio appassionato e la personale testimonianza di funzionario dell’Amministrazione dell’Interno  lungo tutta la sua brillante carriera, un contributo inestimabile alla riscoperta di un caposaldo istituzionale della nostra Repubblica.

L’ANFACI si stringe affettuosamente alla famiglia di Claudio Meoli a cui porge i sensi del proprio unanime e commosso cordoglio.

Tavola Rotonda alla Luiss: “Amministrare per prevenire le mafie”

Ad aprire l’interessante momento di confronto, Francesca Ferrandino, Prefetto di Messina, che nel citare le parole di Papa Francesco alla Commissione antimafia ha sottolineato come la corruzione, elevata a sistema, dia impulso e favorisca la mafia.

Questo lo spunto su cui si è costruito il dibattito con i partecipanti alla tavola rotonda. In particolare Antonella De Miro, Prefetto di Palermo e Carmela Pagano, Prefetto di Napoli hanno evidenziato come la mafia oggi è un fenomeno, sempre più impalpabile. Le infiltrazioni, nel settore economico, sociale e amministrativo, evocano qualcosa di profondo ed invisibile difficile da far emergere, ed hanno condiviso con la platea parte delle esperienze realizzate “sul Campo”.

A concludere l’incontro Claudio Contessa e Ettore Figliolia, rispettivamente Consigliere di Stato e Avvocato di Stato. Gli interventi hanno ribadito l’importanza di modificare e migliorare la qualità della legislazione sugli appalti e sulla tutela e rafforzamento del ruolo del Prefetto in materia di prevenzione.

Guarda la Gallery QUI